Da Catrignano a Zollino, tra naturopatia e cena vegan

Parco delle PozzelleFoto Claudia LovisettoA CASTRIGNANO LE POZZELLE E LA NATUROPATIAA ZOLLINO BIO PIZZICA E CENA VEGANProsegue il nostro viaggio nella Grecia Salentina.
Da Cutrofiano ci spostiamo a Castrignano dei Greci dove ci attende il Parco delle Pozzelle: circa 100 piccoli pozzi che nei secoli passati costituivano l’approvigionamento idrico della popolazione locale. I “Ta Frèata”( pozzi in dialetto grico) arrivano fino a 6 metri di profondità e sono realizzati con pietrame a secco.Ta FréataFoto Claudia LovisettoNella Masseria delle Pozzelle incontriamo gli operatori della cooperativa sociale Ret di Pan che ha messo a punto un nuovo modello di reinserimento lavorativo di persone svantaggiate con metodi non tradizionali come, ad esempio, l’inclusione sulla produttività. Masseria delle Pozzelle con gli operatori Ret PanFoto Claudia LovisettoCon loro degustiamo il caffè al cardamomo, ottime tisane e il liquore cordis, fatto con uva secondo in principi della naturopatia.
La naturopatia qui è di casaFoto Claudia LovisettoMa la naturopatia non è solo l’assunzione di erbe, ma prevede anche terapie manuali tramite la coppettazione occidentale.
Non sono stata così coraggiosa da sottopormi al trattamento ma Sheila Leo, la nostra coordinatrice, sostiene di averne tratto beneficio.
Il metodo consiste nell’eliminare le pletore (tossine) profonde anche con l’uso di coppelle di vetro applicate da mani esperte in certi punti della schiena.  CoppettazioneFoto Claudia LovisettoIl viaggio prosegue nella masseria Samadhi, via Stazione 116 a Zollino dove il gruppo impara a ballare la bio pizzica e scopre i piacere della cucina vegan.Roberta Mantovani è una giovane chef specializzata proprio in piatti vegan. Sembra incredibile ma il menu prevedeva anche una maionese e un’ottima carbonara, fatte rigorosamente senza uova e persino una crostata alla crema realizzata con latte di risoClaudia Lovisetto

Leggi tutto l'articolo