Da Italia's got Talent, il Duo Casadei-Colli: «Abbiamo vinto la nostra scommessa!»

Stanno artisticamente insieme dal 2008, ma è soltanto con la prima edizione di Italia’s got Talent che hanno trovato la fama, facendosi conoscere, ed apprezzare, dal grande pubblico italiano per il loro straordinario talento.
Citano Debussy e Paganini, a dispetto della giovanissima età, sono già tanti i premi e i riconoscimenti che il duo classico formato da Alberto Casadei, violoncello, e Federico Colli, pianoforte, rispettivamente 23 e 22 anni, ha già raggiunto insieme: dal primo posto al prestigioso Concorso Internazionale di Musica da Camera Gaetano Zinetti nel 2009, alla finale del Premio Vittorio Gui quest’anno, fino alla semifinale del programma di Canale 5.
La loro eliminazione da parte dei giudici Gerry Scotti e Rudy Zerbi, che hanno invece preferito la cover band Regina, è stata un po’ come un voltafaccia a quella musica colta che tentano con entusiasmo di proporre ad un pubblico di giovanissimi, ma sono stati la vera rivelazione di questa prima edizione dello show.
Cosmomusic li ha incontrati e all’unisono rispondono alle nostre domande.
La prima domanda è d’obbligo: perché partecipare a Italia’s got Talent? Attraverso la potenza mediatica della televisione, abbiamo sentito il desiderio di avvicinare il pubblico, soprattutto quello giovane, al mondo della musica classica; è viva in noi la convinzione che essa può creare attrazione anche nei confronti di coloro che non la praticano abitualmente o non la conoscono a fondo.
Se proposta nella giusta maniera, può essere compresa da ogni persona in tutta la sua semplicità e grandezza.
La televisione, in questo senso, è stata per noi la chiave giusta e speriamo nel giusto momento, per realizzare la nostra idea.
Non avete tuttavia superato la semifinale… Il nostro animo è sempre stato sereno, nella consapevolezza di essere riusciti a gettare in moltissimi ascoltatori il seme della curiosità.
Portare le emozioni della musica classica nelle case di milioni di italiani era e rimane la nostra scommessa! Una scommessa che abbiamo decisamente vinto, viste le decine e decine di messaggi ricevuti in tal senso anche da tantissime persone che non sono abituate ad ascoltare i Compositori classici.
Gli importanti impegni che ci attendono non ci permettono alcuna titubanza: nuovi ed ambiziosi obiettivi ci stimolano a perseguire altri entusiasmanti risultati.
Di recente, lo show “Amici” di Maria De Filippi ha aperto le porte alla lirica: pensate possa accadere lo stesso anche per la musica classica? Claude Debussy amava dire: “La vera musica non è [...]

Leggi tutto l'articolo