Da Milano in linea Livio Sciacchitano

di Livio Sciacchitano* Chi sarebbero secondo l’ing.
Stefano Tomarelli (amministratore delegato della “Lipari Porto s.p.a.”)  questi  pochi SCALMANATI? Purtroppo egr.
direttore per motivi personali, mi trovo fuori dalle Eolie, e di conseguenza stamattina non ho potuto far parte di “quegli scalmanati” che, hanno tentato legittimamente di partecipare al primo degli incontri che la Lipari Porto aveva concordato con la giunta, e che prevedeva la partecipazione di tutti i consiglieri comunali.
Grazie proprio alla sua puntuale attività giornalistica, poco oltre le nove e trenta, mi trapelava dai suoi articoli e dalle interviste quanto stava avvenendo.
Non penso che puntualizzare che questi incontri fossero di particolare importanza per la collettività eoliana tutta, corrisponda ad un esclusivo convincimento personale, anche se a quanto pare questo giusto valore non sia stato attribuito, infatti apprendo che, come al “ballo di mezzanotte di cenerentola”,  l’ing.
Tomarelli e gli altri rappresentanti di Condotte d’Acqua hanno abbandonato alle 16:30, la riunione con la cittadinanza, insieme ad un divenuto suscettibile ing.
Rodriguez.
Ma ripeto non sono sull’isola e non posso idoneamente stabilire se l’organizzazione di tali incontri sia avvenuta nel rispetto della informazione, della democrazia, della trasparenza e degli abitanti in genere, sono sicuro che come già è stato fatto, altri amici presenti sull’isola, appunteranno questo importantissimo particolare.
Vorrei però attirare l’attenzione dei miei concittadini lettori sulle prime dichiarazioni rilasciate dall’Ing.
Tomarelli al suo giornale durante l’intervista.
Su sua domanda su cosa pensa delle posizioni di chi questo tipo di portualità non la condivide, come le forze d’opposizione, costui risponde: che non  fa il politico (aggiungo fortunatamente),  ma il progettista.
Continuerà dicendo:  che una simile opera non può essere realizzata in un contesto ove la popolazione sia contraria, ma che bisogna capire se tale contrarietà sia diffusa o limitata ad alcuni SCALMANATI.
Ma a chi si stava riferendo l’ing.
Tomarelli forse alla protesta di quei cittadini, e a ruota di quei consiglieri, che si sono visti chiudere le porte in faccia dei locali dell’ ex biglietteria di Marina Corta oggi nel possesso della società portuale? Faccio un plauso a tutti quei consiglieri, e mi rammarico che siano stati solo di minoranza, che solidalmente alla gente rimasta fuori, hanno abbandonato la prima riunione di stamane.
Mi [...]

Leggi tutto l'articolo