Da Roma in linea Stefano Imbruglia

di Stefano Imbruglia Aumentano le voci di protesta sulla viabilità a Canneto e la scelta dell’amministrazione di rendere senso unico via Marina Garibaldi .
Da una parte i cittadini di  via Cesare Battisti che lamentano  l’aumento dell’inquinamento acustico e ambientale, le difficoltà  a  muoversi a piedi se non mettendo a rischio la propria incolumità  ( la Cesare Battisti è priva di un marciapiede degno di questo nome) e temono per la tenuta delle strutture delle case dovute al cedimento della strada stressata dal forte aumento del traffico e dal tempo.
Dall’altra parte l’amministrazione comunale che attraverso il portavoce del sindaco fa notare che la decisione presa dalla giunta è una scelta obbligata e  l’unico modo per sgravare la zona dal traffico sarebbe la costruzione di una nuova strada a monte.
Una  soluzione che nella migliore delle ipotesi richiederebbe 4-5anni.
Nella risposta dell’amministrazione c’è tutta la pochezza di questa giunta: come si fa a rispondere a dei cittadini che si arrangiassero a  portare fuori i loro bambini  con i passeggini  - anche se considerando che gli scarichi delle auto sono ad altezza di bambino sarebbe meglio tenerli in casa -  che non c’è altra soluzione possibile ? Cosa risponderanno all’altra signora che si muove in bicicletta e rischia quotidianamente la vita?  Cosa diranno se si avverassero i timori sulle case e la loro tenuta?  Una giunta con un minimo di immaginazione  si adopererebbe per attuare, così come accade in molti comuni non solo turistici, politiche che scoraggino l’uso dei mezzi  privati  per favorire l’uso dei mezzi pubblici e collettivi.
Considerando che a  Lipari  i bus funzionano bene e gli unici disservizi ,  ahimè più che frequenti ad agosto,  sono dovuti a ritardi dovuti alla diffusa ed impunita pratica del parcheggio selvaggio   che ne ostacolano la viabilità, non dovrebbero esserci particolari disagi .
Una ventina di anni fa, Nanni Moretti girò alcune scene del film “Caro diario” a Lipari, rappresentando l’isola soffocata da un traffico disordinato e molesto .
In questi 20 anni, sono aumentate le macchine ed  il traffico è ulteriormente peggiorato ( “al peggio non c’è mai fine” si usa dire, come sta dimostrando l’attuale amministrazione), senza che sia stato posto nessun argine.
Mi capita abbastanza frequentemente  di conoscere nuove persone,  scoprendo che sono di Lipari spesso  si lanciano un elogi sperticati per l’isola , aggiungendo subito dopo “anche se è un po’ [...]

Leggi tutto l'articolo