Da Taja ch'è rosso 3

Giardinetto Un pizzico de sole casca su quattro aiole, ma nun c'è un pupo, un passero, un vecchietto; e l'erba è sempre nova.
Le case, appena è giorno, je se chiudeno intorno; e er giardinetto nessuno l'aritrova.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) L'angiolo custode Un grugnetto, du' ale e una ghirlanna; ma è sempre er pupo mio: me l'ha rubbato Iddio e Iddio me l'arimanna.
Sento che sbatte l'ale, indovino er respiro; me giro e nun lo trovo, e resto male.
Ma quanno so' cattivo o quanno faccio un passo che nun va, me vedo avanti un pupo, un pupo vivo che me dice: "Papà!".
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) La farfalla Er vermine ha trovato du' petali de rosa in un'aiola: strisciava in mezzo ar prato, adesso vola.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Papaveri In giro vedi solo preti neri cor breviario sott'occhio, e zitti, e seri; mentre li preti rossi ereno vispi come pettirossi.
Forse l'urtima vorta so' usciti for de porta, e se spiega l'arcano: l'hanno fatti a pezzetti in mezzo ar grano.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Grandine Nuvole, nuvolette, nuvolone correno come tanti regazzini cor zinalone bianco, griggio, rosa.
E una nuvola in abbito da sposa apre er sacchetto de li confettini.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Fusaje Cammino piano piano e faccio er bellimbusto co' un cartoccetto de fusaje in mano.
Ho speso cinque lire e nun me lagno: magno, e me levo er gusto de seminà per tera de straforo le nichelette d'oro.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946)

Leggi tutto l'articolo