Da Taja ch'è rosso 5

Tempio de Vesta Una funtana sona la solita canzona.
Sur tappeto de fronne, le colonne grigge grinze sdentate, cor cappello fori de moda, vanno in carosello.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Er giorno der giudizzio Tutto intorno a Castello comincia er carosello e er Padreterno in trono fa da perno.
Sur Tevere c'è un diavolo che incarca l'anime ne la barca come le vaghe d'uva in un bigonzo.
Un angiolo se porta er gregge addietro addietro, e bussa un tocco cor patocco a la porta de bronzo de San Pietro.
E vedi er Cuppolone da lontano che s'apre a spicchi come un portogallo, e incontro al celo giallo esce san Pietroco' le chiave in mano.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Osteria Una chiesa barocca e una manciata d'angioli che vola, in braccio la mandola o la trombetta in bocca.
A du' passi, una frasca e un tavolino.
L'ostessa, locca locca, sversa er vino: "Piscio d'angioli", dice.
E infatti a galla, co' la trombetta in bocca, c'è un angiolo che balla.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Foro romano Nove colonne, in piedi er fusto solo, fanno la fila sopra er muricciolo.
In mezzo ar vellutello c'è la prima violetta, e ogni colonna aspetta che je fiorisca in testa er capitello.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Li barberi Er Corso è una fiumara de capocce che scrùcchieno insieme come bocce.
Chi l'aregge, li barberi? Basta uno squillo, e schizzeno dar Popolo dritti a Piazza Colonna, uno baio uno storno uno morello, che pareno tirati co' la fionna.
Ogni zompo, una chiesa: San Carlo, San Lorenzo, San Marcello; e co' tre zompi stanno a la ripresa.
Ma la coppia xde punta svorta a manca, a li zoccoli l'ale, e se la scianca verso er Quirinale.
Qui sorteno de posta du' gemellacci co' la grinta tosta, e una mano a le froce, una a la bocca, coll'ogna e co' la voce, er barbero s'abbiocca.
Poi tutt'e quattro, stracchi e sdilombati, poseno li tacchi sur piedistallo in mezzo a lo spiazzale, e aspetteno che torni carnovale.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946) Funtana de li fiumi Quattro giganti a guardia d'una grotta.
tra scojo e scojo fiotta la voce d'un zampillo, e tutti co' la lingua a pennolone, dar drago ar coccodrillo, dar serpente ar leone.
Sortanto la colomba s'ingarbuja co' la rama d'ulivo drento ar becco, e co' tutta quell'acqua resta a secco sur pizzo de la guja.
Mario Dell'Arco Da "Taja ch'è rosso" (1946)

Leggi tutto l'articolo