Da titolari a UFO: Brozovic e Gnoukouri provano a riprendersi l'Inter

I posti a disposizione sono due o al massimo tre, i centrocampisti che l'Inter si ritrova in rosa dopo l'ultimo corposo restyling di mercato sette.
Normale, quindi, che qualcuno debba - volente o nolente - accettare di avere meno spazio degli altri, come in effetti è stato nel tutto sommato positivo avvio di campionato nerazzurro.
In particolare, a trovare pochissime opportunità di mettersi in mostra sono Marcelo Brozovic e Assane Gnoukouri.
Due che nello scorso campionato avevano una maggiore considerazione da parte di Mancini, soprattutto in termini di minutaggio, e che adesso devono sperare di racimolare qualche minuto nel finale di partita.
Di partire dall'inizio, infatti, non se ne parla neppure.
Brozovic, arrivato a gennaio assieme ad altri due epurati come Podolski e Shaqiri (entrambi immediatamente lasciati andare in estate) e a Santon, lui sì oggi titolare, ha giocato 85 minuti sia con l'Atalanta che col Carpi.
Giostrando nella posizione di trequartista, non certo il suo ruolo ideale.
Poi è tornato mestamente in panchina.
L'esplosione di Kondogbia e soprattutto l'arrivo di Felipe Melo, preso dall'Inter dopo la seconda giornata di campionato, hanno permesso a Mancini di trovare non tanto un modulo ideale (prova ne sia il criticato passaggio alla difesa a tre con la Fiorentina) ma un centrocampo ideale: Guarin sul centro-destra, il brasiliano davanti alla difesa e l'ex Monaco sul centro-sinistra.
Con Perisic dietro alle punte.
Così, un giocatore che doveva rappresentare il futuro dell'Inter, e che il club ha preso qualche mese fa strappandolo alla concorrenza di altre big (tra cui il Milan), si ritrova ora a dover lottare per risalire la corrente.
E il medesimo discorso vale per Assane Gnoukouri, il ragazzino prodigio, capace di giocare un derby da veterano all'esordio e ora praticamente sparito dal radar.
C'è poco da stupirsi, ovviamente: il centrocampo di questa stagione dell'Inter non è paragonabile a quello della scorsa, nonostante l'addio di Kovacic.
Gnoukouri ha disputato solo un tempo in sei giornate, all'esordio contro l'Atalanta.
Non ha brillato, come tutta la squadra, e gli arrivi di Melo e Perisic hanno fatto fuori anche l'ivoriano.
Che ora sembra destinato, magari già a gennaio, a lasciare l'Inter in prestito per inserire minuti ed esperienza nelle gambe.

Leggi tutto l'articolo