Data Center: Grande fratello nel deserto, spia tutti e tutto anche il web

Data Center: Grande fratello nel deserto, spia tutti e tutto anche il web (60) (0)     Nsa e Fbi hanno accesso tramite un cervellone, il superprotetto "Data Center", non solo a tutte le conversazione telefoniche  ma anche alle maggiori compagnie del web, Google, Yahoo!, Face book, Apple comprese.
Telefonate, email, sms, dialoghi, ma anche i bisbigli, tutto raccolto in una dategate di proporzioni inimmaginabili.
Ma qual e' il target di questo controllo? Un'utenza mondiale spaventosa, che tocca la mostruosa cifra di quasi tre milierdi di account, controllati.
Insomma mezzo mondo sotto osservazione.
All'improvviso veniamo a sapere che le nostre identita' digitali sono passate al setaccio dalle autorita' statunitensi.
L'idea poi che la sorveglianza piu' stretta sia riservata ai cittadini non americani che vivono fuori dagli Usa, come ha riferito un esponente dell'aministrazione federale, rende piu' copleto il quadro.
Durissimo il giudizio del New York Times: "Abuso di potere.
L'amministrazione Obama ha perso ogni credibilita'".
Sembra fantascienza ma no lo e', tanto che il "grande fratello" sta per avere anche una casa, nel deserto a Bluffdale, tra le montagne dello Utah.
Dovra' custodire tutti i dati di tutti, la fine della privacy per l'individuo.
Quelli gia' a disposizione dell'Fbi sono quelli telefonici della Verizon, la maggiore compagnia americana.
I "rasterllatori"  puntano ad un gigantesco archivio, pensando piu' al domani che all'oggi.
La possibilita' di incrociare le varie informazion permettera' un controllo generalizzato.
Si potra' costruire il profilo delle persone, le loro abitudini, il tenore di vita.
Sara' possibile anche rintracciarla ed individuare i movimenti passati di qualsiasi individuo.
C'e' chi ipotizza un software in grado di prevenire alcuni crimini, grazie all'incrocio di innumerevoli dati provenienti dal controllo delle telefonate e dal web.
Il futuro, anzi il presente, e' il grande occhio, una vera e propria rivoluzione, che anche se criticata, andra' avanti.
C'e' gia un posto dove si puo sapere chi siamo e cosa faremo...

Leggi tutto l'articolo