Davide Van De Sfroos

Grandissimo esordio di Davide Van De Sfroos al Festival di Sanremo 2011, dove ha presentato il brano “Yanez”.
Il paladino della canzone d’autore in dialetto si è imposto per originalità e ha portata una necessaria ventata di freschezza alla kermesse.
Questi alcuni commenti: “L’idea di base del brano è spiritosa e intelligente: gli eroi salgariani si abbandonano alla pigrizia e ai piccoli vizi sull’Adriatico, e tutta la loro carica avventurosa e romantica si scioglie fra sale giochi, biciclette, aperitivi, infradito e riporti.
Allegro e ironico…” (Mario Luzzatto Fegiz – Il Corriere della Sera) “Incredibile ma vero: viene da un artista che canta nel dialetto del lago di Como uno dei pezzi più interessanti del Festival.
Un agile folk rock infarcito di fiati dal ritmo incalzante.
Una canzone solare non ingessata e composta senza pensare al palco dell’Ariston.
Voto 7,5.
L’esibizione in una parola: Spettacolare.” (Panorama.it) “Davide Van De Sfroos: voto 10.
Gli accenti sudamericani dell’arrangiamento sono efficacissimi e l’interpretazione è assolutamente trascinante.
E così il ‘laghée’ diventa lingua transnazionale e ipernazionale, non si capisce niente (almeno a sud della Padania) ma la musica arriva dritta al cuore e tanto basta.
La proposta più originale del festival.” (Musica e Concerti)Davide Van De Sfroos sarà in concerto al Teatro Ponchielli di Cremona Mercoledì 20 aprile, dove, oltre a “Yanez”, presenterà il nuovo album a distanza di due anni dalla sua ultima uscita discografica, il live Pica!.
Alla 61° edizione del Festival di Sanremo con il brano “YANEZ” Davide Van De Sfroos si è presentato in gara alla 61° edizione del Festival di Sanremo nella sezione “Artisti” con “YANEZ”, un brano scritto e cantato in dialetto tremezzino (o laghée) sul celebre corsaro portoghese YANEZ DE GOMERA che segue fedelmente il bornese Sandokan nel ciclo romanzesco dei Pirati della Malesia, nato dalla penna del famoso scrittore italiano di romanzi d'avventura Emilio Salgari.
«Cancellare i dialetti è come limare gli Appennini – spiega DAVIDE VAN DE SFROOS che porterà a Sanremo un brano in laghèe – perchè l’Italia rimane unita anche grazie all’identità dei dialetti.
Mi preoccuperò il giorno in cui parleremo tutti un italiano commerciale misto all’inglese.
“Yanez” è un omaggio a mio padre, che non c’è più.
Lui è cresciuto leggendo i romanzi di Salgari.
Quando, poi, è nata la versione tv ho subito pensato che lo Yanez di Leroy gli assomigliasse anche [...]

Leggi tutto l'articolo