Debby della Valle del Vento

Keiron è un pianeta strano, una gigantesca sfera di sabbia che galleggia placida nel sistema di Altaran.
Sabbia, sabbia ovunque a perdita d’occhio.
Granelli rossastri che formano i mari del sud, distese di silice rosata intorno all’equatore e onde dorate che increspano le placide distese del nord.
Ovunque ci si giri la sabbia regna sovrana, come un grande mantello che riveste la crosta del pianeta.
Si dice che questo immenso oceano di materiale granuloso sia spesso centinaia di chilometri e che nessuno sia mai riuscito a misurarlo.
E, ogni tanto, in mezzo a tutto questo ondeggiare di fini granuli si stagliano isole di granito che sembrano spuntare dal nulla, quasi sospese, come nuvole in mezzo al cielo.
Keiron è un pianeta strano, una gigantesca sfera di sabbia che galleggia placida nel sistema di Altaran.
Sabbia, sabbia ovunque a perdita d’occhio.
Granelli rossastri che formano i mari del sud, distese di silice rosata intorno all’equatore e onde dorate che increspano le placide distese del nord.
Ovunque ci si giri la sabbia regna sovrana, come un grande mantello che riveste la crosta del pianeta.
Si dice che questo immenso oceano di materiale granuloso sia spesso centinaia di chilometri e che nessuno sia mai riuscito a misurarlo.
E, ogni tanto, in mezzo a tutto questo ondeggiare di fini granuli si stagliano isole di granito che sembrano spuntare dal nulla, quasi sospese, come nuvole in mezzo al cielo.
Ed esistono grandi e piccole isole, dove la più grande ospita la capitale del pianeta, mentre la più piccola, in una giornata la si riesce a percorrere tutta, lungo il perimetro.
E su Valtar, l’isola capitale, si concentrano gli scambi commerciali verso il resto del pianeta e verso lo spazio, grazie allo spazioporto.
Grandi astronavi si staccano dal pianeta e puntano dritte verso il centro della galassia, cariche di uno speciale elemento mescolato nella sabbia di Keiron che, lavorato, permette di ottenere una buona dose di energia.
E’ l’unico mezzo di scambio che il pianeta si possa permettere, visto che non ha i mezzi per lavorarlo, caricandolo sulle navi e spedendolo.
In cambio i grandi commercianti del sistema di Altaran barattano beni di prima necessità e di lusso e qualche piccolo macchinario.
Valtar risulta quindi, praticamente, autosufficiente, permettendo ai propri abitanti di lavorare nelle fattorie di estrazione del minerale per ottenere in cambio tutto il necessario per vivere dignitosamente.
Ma per quanto riguarda il resto del pianeta il discorso è completamente differente.
Le isole più [...]

Leggi tutto l'articolo