Delirio

Delirio Delirio di onnipotenza, delirio di intelligenza, delirio, di bellezza, delirio di successo sono soltanto alcuni deliri, tutti fuori controllo, di cui è affetto Zoticoni.
La cura con la camomilla, suggeritagli da Casini, non basta più! Qui si è necessaria la camicia di forza! Secondo le definizioni più comuni degli psichiatri il delirio è una convinzione - falsa ed illogica - che non si confronta né con la ragione, né con l'esperienza.
E' una credenza personale di importanza centrale nella visione del mondo del delirante.
Il delirio, la volontà di potenza, raramente è utile, ma potrebbe anche esserlo nei casi in cui le sue manifestazioni restano duttili e conservano un buona dose di elasticità.
Ma diventa invece pericolosa - perché è un chiaro sintomo di nevrosi - quando si irrigidisce e tende ad assumere una forte aggressività.
Anche i meno attenti nella lettura di queste righe si saranno accorti che si sta parlando di Zoticoni e del suo delirio di onnipotenza.
Sono tanti, ma così tanti, gli esempi ed i fatti concreti che si potrebbero portare a sostegno di queste affermazioni che è persino inutile elencarli.
Come si può vincere, o quanto meno rendere innocua, questa grave patologia della mente? Si potrebbe tentare con la ragione: cercare di condurre chi ne è affetto sul terreno della logica, del confronto, della dialettica.
Oppure si potrebbe tentare con la violenza (violenza verbale, ovviamente): una violenza che pareggi o superi quella del malato così da fargli intendere che, sul quel terreno, non ha alcuna possibilità di vittoria.
Poichè su questi due terreni non si vedono risultati concreti rimane solo una terza ed ultima possibilità: il riso! Il delirante andrebbe annientato con il riso, l'ironia, il sarcasmo, la presa in giro perché col sarcasmo si possono abbattere imperi.
Non è un caso che i tiranni, gli imperatori ed affini temano più il riso che i nemici in armi! E allora avanti con forza: si sotterri Zoticoni sotto una montagna di risate.
E' facilissimo: basta guardarlo ed ascoltarlo!    

Leggi tutto l'articolo