Dens dŏlens 343 - Rubare l’oro e le risorse naturali altrui come imperativo imperiale

di MOWA
Il mondo civile e democratico sta prendendo, pian piano, consapevolezza che i più grandi ladri del globo hanno un nome ed un cognome, che, quindi, i ladri non sono maleodoranti persone che vivono, magari, nelle favelas di qualche metropoli ma soggetti cosparsi di pregiati profumi che vivono in lussuose tenute o castelli. Questi predatori di ricchezza altrui, vestono, bene e griffato, organizzano briefing con i loro compiacenti “sottoposti”, e bevono le migliori marche di vini e spumanti, sfoggiando una disgustosa supponenza ed un narcisistico compiacimento dell’essere “il gruppo sociale élitario“, la “crema“… per dirla con le parole del comico Crozza sui ricchi: il Top.
Noi, nel nostro piccolo, ci siamo presi l’impegno di dare il nostro umile contributo agli oppressi dando informazioni e cercando di spiegare come si scoprono certi farabutti e dove si annidano, qual è la loro cultura ma, soprattutto, come cercano di far credere agli sfruttati di questo mondo, di essere delle m...

Leggi tutto l'articolo