Denuncia a piede libero per il "carceriere" accusato di ricettazione

Siracusa - Era ridotto allo stremo, rinchiuso dentro uno stanzino buio, senza cibo ne acqua.
Improvvisamente la luce che si è materializzata nelle forme di una coppia di militari della guardia di finanza e, infine, l’abbraccio con i suoi padroncini.
Storia a lieto fine per un cucciolo di pastore corso (nella foto un suo bel primo piano)  sottratto qualche tempo fa ad una coppia di fratellini e ritrovato ieri dalle fiamme gialle in un appartamento di Solarino al termine di un’operazione contro i traffici illeciti.
Quando i finanzieri hanno fatto irruzione nell’abitazione, il cagnolino era richiuso in una stanza buia, senza cibo né acqua, in cattive condizioni.Poco chiare e ancor meno attendibili le giustificazioni addotte dal sedicente proprietario che alla fine è stato denunciato per ricettazione e maltrattamento di animali.
 Per avere la conferma di chi fosse il vero padrone del cucciolo di pastore corso  non c’è stato bisogno di alcun riscontro di indagine: appena ha incontrato i due bambini che lo avevano accudito sin dalla nascita, il cagnolino si è immediatamente ripreso dallo shock, balzando tra le loro braccia.
fonte:GIORNALE DI SIRACUSA

Leggi tutto l'articolo