Dequalificazione e dimissioni per giusta causa

Dequalificazione costituisce (quantomeno) giusta causa di dimissioni
 
Corte di cassazione, sez. lav.  5 maggio 2004, n. 8589 – Pres. Mileo – Rel. Lamorgese – SanpaoloImi s.p.a. (avv. Tosi, Fiorillo) c. Lovatti Francesco (avv. Sbisà, Bianchi, Magrini)
   
Dequalificazione - Presupposti - Mancata piena utilizzazione del lavoratore e impedimento all'ulteriore arricchimento della professionalità - Dirigenti - Considerazione della rilevanza del ruolo - Giusta causa di dimissioni - Sussistenza ed accertamento ad opera del giudice di merito.
 
Se non ogni modificazione quantitativa delle mansioni affidate al lavoratore è sufficiente ad integrare la fattispecie della dequalificazione, dovendo invece farsi riferimento all'incidenza della riduzione delle mansioni sul livello professionale raggiunto dal dipendente, sulla sua collocazione nell'ambito aziendale (Cass. 19 maggio 2001 n. 6856, Cass. 4 agosto 2000 n. 10284), per il dirigente occorre considerare anche la rilevanza del ruolo, tenendo c...

Leggi tutto l'articolo