Dequalificazione quantitativo/qualitativa secondo la Cassazione

Dequalificazione quantitativo/qualitativa, per sottrazione di mansioni, secondo la Cassazione
 
Si ritiene utile per i lavoratori, i gestori delle risorse umane ed i magistrati, riportare una recente, efficace, sintesi – operata dall’estensore Dr. Vidiri nella decisione n.  10284 del 4 agosto 2000 (in Not. giurisp. lav. 2001, 47) -  finalizzata a focalizzare la fattispecie della dequalificazione o demansionamento professionale, fattispecie che attiene (a prescindere dall’inquadramento categoriale e dall’invarianza retributiva) alla privazione di una parte o di tutte le mansioni o compiti  (o di quelli strutturalmente caratterizzanti) tramite cui si estrinseca in azienda il “ruolo” o “posizione professionale” del lavoratore.
La sintesi che sotto riportiamo dovrebbe essere indubbiamente apprezzata ed utile: a) per i lavoratori che ritengono (o nutrono il sospetto) di essere stati oggetto di tale pratica aziendale (da riscontrare con una necessaria probabilità di certezza prima che essi s...

Leggi tutto l'articolo