Devil May Cry 3 - PS2

TRUCCHI PER PLAY STATIONSblocca tutte le modalità, i costumi e la gallery:Nel menu principale del gioco, tenere premuto il D-pad giù, digitare in sequenza L1, L2, R1, R2 e ruotare lo stick analogico di sinistra finchè non si sente la voce Devil May Cry.Gioca con Dante senza cappotto:Completa il gioco almeno una volta in modalità Easy o Normal.
Il nuovo costume sarà disponibile premendo i tasti L1 o R1 nel menu di slezione del gioco.Gioca con la versione DMC1 di Dante:Completa il gioco almeno una volta in modalità Hard.
Il nuovo costume sarà disponibile premendo i tasti L1 o R1 nel menu di slezione del gioco.Gioca con Sparda:Completa il gioco almeno una volta in modalità Hard.Abilita la modalità Super Dante:Completa il gioco almeno una volta in modalità Dante Must Die.
Abilita la modalità Dante Must Die:Completa il gioco almeno una volta in modalità Hard.
Sblocca la gallery:Completa il gioco almeno una volta in modalità Easy o Normal.
Sblocca l'update della gallery:Completa il gioco almeno una volta in modalità Hard.
Sblocca la gallery:Completa il gioco almeno una volta in modalità Easy o Normal.
Il nuovo costume sarà disponibile premendo i tasti L1 o R1 nel menu di slezione del gioco.Sblocca la modalità Hard:Completa il gioco almeno una volta in modalità Normal.Sblocca la modalità Heaven or Hell:Completa il gioco almeno una volta in modalità Dante Must DieRECENSIONELa strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioniQuattro anni fa Shinji Mikami presentava al mondo quello che di lì a poco sarebbe divenuto il nuovo punto di riferimento degli Hack & Slash di nuova generazione.
Nato quasi per caso, il motore grafico era stato pensato per Resident Evil, Devil May Cry ridefiniva, di fatto, gli standard di un genere sull'orlo del precipizio, salvo poi piombare nella polvere a causa della nefasta uscita di DMC 2.
E' proprio sul mezzo fallimento di quel progetto, coinciso guarda caso con il mancato coinvolgimento dello stesso Mikami, la base su cui Capcom ha costruito Il Risveglio di Dante, titolo creato con il preciso intento di ridare lustro ad una serie che pareva aver smarrito la strada del successo.
Ed è un ritorno al passato in tutti i sensi, giacché l'intera avventura si dipana attorno agli eventi immediatamente precedenti a quelli descritti nel primo Devil May Cry, con il nostro Dante opposto alla sua nemesi, il fratello gemello Vergil.
La casa di Osaka è comunque andata ben oltre il semplice confronto fratricida, presentando un background narrativo molto più articolato, ricco di colpi di scena [...]

Leggi tutto l'articolo