Di Girolamo scrive a Schifani «Mi dimetto da senatore»

  In Aula mozione della maggioranza per la decadenza.
L'esponente Pdl coinvolto nell'inchiesta sul riciclaggio ha presentato le dimissioni da parlamentare   Nicola Di Girolamo (Ansa) ROMA - Come anticipato, Nicola Di Girolamo ha presentato le dimissioni da senatore.
L'esponente del Pdl coinvolto nell'inchiesta sul riciclaggio ha comunicato la sua decisione con una lettera al presidente del Senato, Renato Schifani.
L'ITER IN AULA - Le dimissioni dovranno essere votate dall'aula di Palazzo Madama.
La data di tale votazione dovrà essere calendarizzazione dalla conferenza dei capigruppo del Senato, che è convocata per domani alle 11.
Sia il Pd sia il Pdl avevano depositato in mattinata mozioni per la decadenza del senatore eletto all'estero dal suo seggio, mentre è in calendario per martedì alle 12 una audizione dello stesso Di Girolamo, coinvolto nello scandalo riciclaggio, davanti alla giunta per le Elezioni e le immunità del Senato.
MOZIONE PDL PER LA DECADENZA - Intanto a Palazzo Madama, una mozione presentata dal Pdl chiede che venga ripresa in Aula «la discussione sulla decadenza del senatore Di Girolamo».
Nel testo predisposto dal Popolo della Libertà si fa riferimento al «tempo trascorso dalla deliberazione con la quale si era sospeso l'esame della proposta di decadenza.
Oggi infatti si può inquadrare in una prospettiva diversa l'intera vicenda, senza attendere l'esito di un procedimento penale che nel frattempo è diventato più complesso.
Il prestigio del Senato si difende meglio quando si ha un quadro completo dei fatti».

Leggi tutto l'articolo