Di Maio: concertazione a oltranza per contratto collettivo rider

Roma (askanews) - "È emersa la volontà di lavorare a un contratto collettivo nazionale per i rider".
Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, al termine del tavolo sui rider al ministero del lavoro.
"Siamo molto avanti su questo - ha aggiunto nel corso di una conferenza stampa - può diventare il primo contratto collettivo in Europa sui rider".
"Ci sarà una concertazione ad oltranza - ha riferito Di Maio - riconvocheremo un tavolo questa settimana".
L'obiettivo, ha aggiunto Di Maio, è quello di procedere il "più rapidamente possibile puntando a inserire una norma nell'ambito dell'iter di conversione del Dl dignità".
"Abbiamo fatto un primo tavolo di confronto sui rider - ha spiegato Di Maio - una generazione abbandonata che non ha neanche le tutele minime.
Abbiamo davanti due strade: la prima è una norma nel dl decreto dignità che andrà a disciplinare le tutele minime, la seconda strada è quella della concertazione, cioè mettersi attorno a un tavolo per trovare una soluzione".
L'obiettivo, ha sottolineato il ministro, è quello di prevedere: un compenso minimo orario, tutele Inps e Inail, il diritto a non dipendere da un algoritmo, un contratto con chiari dettagli nel rapporto contrattuale.
"Lavoreremo a partire dalle tutele per poi arrivare alla natura del contratto", ha aggiunto il titolare del ministero del Lavoro.
"Puntiamo a un contratto innovativo che deve riuscire a rispondere alle esigenze di queste nuove tipologie di lavoro".
"Sono molto contento di come sia andato il tavolo - ha precisato - è solo l'inizio, ma non era scontato.
Nei prossimi giorni sentiremo le parti per le loro proposte e spero il prima possibile, puntiamo a inserire una norma nell'ambito dell'iter di conversione del dl dignità, per arrivare a una soluzione".

Leggi tutto l'articolo