Dialogo

A - Dio non esiste per queste motivazioni principali:1 ogni ente di cui non si hanno prove scientifiche va ignorato, storicamente è evidente che dio si comporta come se non esistesse, per un principio di economia e semplicità è corretto ipotizzare che non esiste.2 la mente umana ha tendenze allucinatorie e narcisistiche che proiettano all'esterno delle realtà inesistenti, nel caso di dio c'è un chiaro conflitto di interessi, ergo se anche Dio esistesse, l'uomo non è il tribunale adatto ad indagarne l'esistenza in quanto interessato.
La religione è un chiaro tentativo irrazionale di sanare le problematiche di vita dell'uomo.3 Tra l'altro se veramente un dio esistesse, dovrebbe essere imperfetto, altrimenti non è spiegabile la necessità evidente di dover creare l'universo dove viviamo.B - Mi permetto di dire che:1 Neghi il processo scientifico stesso che genera le prove che cerchi così dicendo, infatti ogni cosa che è stata provata è stata prima oggetto di indagine ipotetica, senza prove.
Ogni cosa che si conosce è stata sconosciuta no?2 non è detto sia necessità.
Potrebbe essere causa senza la volontà di causare.
In altre parole...dall'umido derivano i funghi, ma l'umido non aveva come scopo quello di generare funghi.
L'umido è com'è senza scopo.
La sua natura stessa fa si che da esso si creino funghi.A - Osserva per esempio la teoria dell'etere, analoga a quella di Dio.
Dopo lungo cercare, alla fine s'è lasciato perdere, per Dio è lo stesso! E' la necessità psicologica che esista a farci credere.B - Anche Leonardo dovette lasciar perdere certe sue invenzioni che oggi sono realtà.
All'epoca lui aveva avuto l'idea ma mancavano ancora i mezzi per provarla.
Credo che la storia si ripeta...
anche in queste cose.
Certo la differenza con la ricerca di Dio è sostanziale, me ne rendo conto.
Ma lasciare l'indagine senza negare, cioè solo per assenza di mezzi adeguati, in questo caso l'uomo stesso, è una cosa.
Negare perchè mancano i mezzi adeguati, sempre gli uomini nel nostro caso, è un'altra.A - Dio si è cercato per millenni, e ricorda la componente psicologica di cui sopra, tutto ciò mi induce a ripetere quanto detto.B - La componente psicologica di cui parli, è proprio una delle cause dell'inadeguatezza del mezzo uomo nell'indagine tornando all'esempio di Leonardo.
Comunque sia non voglio convincere nessuno...
Qualcuno ha detto bene dicendo che è un' atto di fede.
Cosa che non mi fa impazzire devo ammettere, ma tant'è...
per ora.A - La fede non razionale non deve esser imposta, né vi può esser [...]

Leggi tutto l'articolo