Dialogo, dialogo, e amore

“Caro direttore, qualche giorno fa, mio figlio, che ha 11 anni e sta frequentando la prima media, mi ha chiesto se era vero tutto quello che si dice su Blue Whale.
Confesso che non sapevo nemmeno di che cosa stesse parlando, così dalle sue stesse parole ho appreso che ‹‹è una specie di gioco su Internet che ti costringe a sostenere delle sfide, ti chiede anche di farti del male e, alla fine, di suicidarti››.
Il sollievo per il fatto che si fosse rivolto a me su questa questione non è bastato ad alleviare l’angoscia che mi ha provocato il venire a sapere dell’esistenza di questo fenomeno.
Aperti gli occhi, ho visto che se ne parla un po’ dovunque, anche se facendo tanta confusione.
Che cosa c’è di vero e che cosa è frutto di una psicosi? Ma, soprattutto, che cosa possiamo fare affinché i nostri figli siano in grado di affrontare, quando non saremo lì a vigilare, tutti i pericoli che arrivano dai social e dal Web? Ormai chiunque, anche mio figlio, attraverso il cellulare ha un accesso pr...

Leggi tutto l'articolo