Divina Sapienza 18.08.08

Sposa amata, voglio provvedere a tutto, ad ogni tua necessità presente e futura, desidero solo la piena fiducia, l’abbandono, questo chiedo per dare tutto, secondo la Mia Logica Divina.
Mi dici: “Gesù adorato, la Tua piccola creatura, questo solo desidera: lasciarsi andare all’Onda Soave del Tuo Amore.
Tu soltanto sai ciò che serve e conosci veramente le nostre necessità, noi neppure sappiamo ciò che è bene chiedere, perché la nostra logica è quella della creatura fragile e molto insipiente; così è per ogni uomo, anche colui che possiede grande intelligenza e cultura.
Il peccato d’origine ha tolto molto alla natura originaria dell’uomo, lo ha reso fragile ed incapace di comprendere molte cose, solo se egli si affida a Te, Dio, se si abbandona a Te, Santissimo, acquisisce vera conoscenza e cresce in sapienza ed intelletto.
Gesù, ho ben capito che solo l’abbandono a Te aiuta l’uomo a risolvere i suoi problemi, a vivere nella pace e nella gioia del cuore.
Gesù adorato, abbandonarsi a Te, all’Onda Soave del Tuo Amore Meraviglioso, è cosa facilissima, ma è anche cosa difficilissima.
È molto facile per l’uomo umile che riconosce la sua pochezza e capisce che, senza di Te, nulla può fare, avendo piena coscienza di questo, cerca Te come il bimbo cerca il padre e come il piccolo cerca la madre per farsi aiutare e sostenere.
Gesù adorato, non è così per il superbo, per costui è difficilissimo abbandonarsi a Te, Dio, egli si sente capace di realizzarsi da solo senza aiuto alcuno, confida nelle sue forze interiori ed esteriori e non vuole piegare il capo per riconoscere la sua pochezza.
Gesù adorato, penso ai grandi della terra, quelli del passato e penso anche a quelli del presente: sono ben pochi coloro che, per governare bene i popoli e le nazioni, ricorrono a Te con grande umiltà, chiedendo non ricchezze, non potenza sempre maggiore, ma una Stilla della Tua Sapienza così come fece Salomone con grande umiltà.
Così non hanno fatto i grandi della terra del passato, così non fanno neppure quelli del presente.
Forse che chiedono il Tuo Aiuto per governare bene? Forse che chiedono il Tuo Sostegno per esercitare il diritto e la giustizia? Essi chiedono a sé stessi, ricorrono anche ai loro simili, poveri ed insipienti come loro, non supplicano Te, Santissimo, non si prostrano davanti a Te in adorazione per supplicare la Tua Misericordia ed il Tuo Aiuto.
Quale grande del passato, quale grande del presente fa questo? Perdona, Dolce Amore, perdona la grande stoltezza umana, se l’uomo del passato [...]

Leggi tutto l'articolo