Divina Sapienza 23.05.09

Sposa amata, le Grazie di salvezza continuano a scendere per le suppliche dei Miei fedeli amici e delle spose adoranti che sono un vero balsamo per il Mio Cuore tanto offeso.
Sto portando avanti il Mio Progetto con voi, amati, lo concluderò con voi; le Mie più grandi Meraviglie compirò proprio in questo tempo con la vostra cooperazione.
Piccola Mia sposa, chiederò qualche sacrificio in più a coloro che Mi amano con cuore ardente, li chiamerò, ad uno ad uno, ed assegnerò loro un compito nuovo, più impegnativo, perché conclusivo.
Sposa amata, ti fa tremare questo? Mi dici: “Adorato, so per certo che se chiedi di più, anche concedi le Grazie e le forze per eseguire ciò che chiedi.
Dolcissimo Amore, servire Te è sempre gioia, grande gioia, meravigliosa gioia, la fatica non si sente tanta è la letizia di essere al Tuo servizio.
Tu, Gesù adorato, conosci bene le nostre forze, mai il compito le supera; le Tue piccole spose sono tutte davanti a Te pronte nell’abito nuziale, è solo gioia obbedirTi, Dolce Amore.
Nel Tuo Progetto c’è la salvezza universale, nel nostro desiderio c’è il Tuo sublime Desiderio; quando un’anima Ti appartiene interamente vuole ciò che Tu, Dolcissimo Amore, vuoi e non vuole ciò che Tu non vuoi.
Noi, i piccoli più piccoli, siamo tutti Tuoi, la Tua Volontà è la nostra, il Tuo Desiderio è il nostro”.
Sposa amata, in questo grande momento di cambiamento avrei voluto che tanti fossero i docili strumenti del Mio Amore, questo avrei voluto per concedere subito le cose più belle già promesse, ma nel mondo ho trovato forti resistenze, ho atteso per Amore; lo hai ben compreso questo, Mia piccola sposa? “Gesù adorato, certo che l’ho compreso, tutto fai per Amore, non vuoi che alcuni siano nella più grande Gioia ed alcuni nella più profonda tristezza, vuoi dare la salvezza ad ogni uomo che sia pronto a cooperare.
Quanto è sublime il Tuo Sentimento! Noi, se dobbiamo invitare alla nostra festa qualcuno, lo chiediamo una volta sola o al massimo due volte e non di più, perché non tolleriamo un rifiuto, ma Tu, Gesù, Tu, Dolcissimo Amore, insisTi per Amore, talora sei come un mendicante che bussa alla porta ed attende, attende a lungo prima di andarsene.
Sono emozionata al pensiero della Tua Infinita Delicatezza: per Amore il Re dei re diventa anche un mendicante, tutto fai per Amore.
Se gli uomini solo un po’ capissero, subito dalla terra salirebbe un canto di lode a Te, un canto di adorazione.
Non è così, non è ancora così.
Gesù, Tu sei la Delizia di ogni anima che si [...]

Leggi tutto l'articolo