Dolce è la notte

Dolce è la notte e tiepida,    illuminata dalla luna piena.
      Va lo spirito mio oltre l'azzurro     alla ricerca del suo perduto bene.
      Luna, t'imploro;    coi raggi tuoi di seta    apprestami una scala    a ciò che salga fino al trono del Signore    e l'interroghi sul mio terreno fato    onde attenermi al supremo suo volere.
    Apri la bocca tua sempre serrata,     parlami suadente del mio Fratel maggiore,    fa' ch'io non sia dannato alla geenna     per gli eterni dì, o luna mia.
            Tu che compi da immemori stagioni         il tuo viaggio monotono nel cielo     senza mai accennare una lagnanza,     aiutami a salvarmi,      paziente luna dal sorriso pieno.
    

Leggi tutto l'articolo