Don't let it happen again

Due giorni fa abbiamo nuovamente fatto memoria del massacro degli ebrei e delle altre vittime nei campi di concentramento e sterminio nazisti.
Un dovere morale che ogni essere umano deve ottemperare per impedire che simili vergogne possano ripetersi, e soprattutto per ricordare ad ogni uomo di non cadere nuovamente nella spirale dell'odio e della violenza.
Il ricordo di oggi si unisce anche all'insegnamento che la musica degli U2 nel corso del tempo ha saputo impartirmi: una musica che unisce, non divide.
Una musica che valorizza le differenze, non le accomuna, e non le combatte.
Una musica che punta al cuore dell'essere umano e non alla sua pancia.
Una musica che fa pensare, e che non distrae.
Nel corso del tempo gli U2 a più riprese hanno condannato il nazismo e il razzismo.
Durante lo Zoo Tv, mentre si esibivano durante Bullet the blue sky, Bono inveiva contro il vecchio e nuovo nazismo, e la carica ironica di cui si ammantava, verteva alla distruzione di un'ideologia disumana.
Lui stesso sosteneva che "non bisogna aver paura dei mostri.
Anzi bisogna deriderli.
L'ironia è l'arma per combatterli".
Consapevoli di tutto questo, continuiamo ad ascoltare questa musica, e lasciamo che l'arte e la bellezza salvino la nostra umanità.
In the name of love!

Leggi tutto l'articolo