Don Ignazzio

Don Ignazzio (1)Un antenato mio, so' ducent'anni,tass� la Spagna e venne a 'sto paese,pe' divertisse un po' pe' quarche mese,lontano da l'affari e da l'affanni.Qui se scord� de tutti li malanni;je piacque 'na regazza e se la prese;s'inginocchi� a preg� drent'a 'ste chiese,ann� ar Divin Amore e a San Giovanni.Cor trascorre der tempo, a mano a mano,s'attacc� ar cuppolone com'un fongo,e da spagnolo divent� romano.Cos�, pe' grazzia sua, non so' un buzzurro;nun dico aceto all' ojo e largo ar longo,e nun me sbajo fra er somaro e er burro.Nota:(1) Don Ignacio Mu�oz, nativo di Cuenca, nella Nuova Castiglia, fu il primo della mia famiglia che nel 1722 si trasfer� a Roma.
In lingua spagnola olio si dice aceite, lungo largo e asino burro.Antonio Mu�ozDa: Strenna dei Romanisti, 1960, pag.
22

Leggi tutto l'articolo