Donne

Anna Frank
La storia di Anna non è come quella delle altre donne famose. Per un semplice motivo: a lei non fu concesso di diventare una donna. Nata nel 1929 a Francoforte sul Meno, era una vivace ragazzina tedesca. Come tutti gli ebrei, durante la dittatura nazista dovette subire privazioni e restrizioni: non poteva frequentare le scuole regolari, entrare nei locali pubblici né salire sugli autobus ed era costretta a portare cucita sugli abiti una stella gialla, che distingueva gli appartenenti alla razza ebraica.
Con il tempo, gli assurdi limiti alla libertà degli ebrei si trasformarono in persecuzione. Così Anna, che era figlia di commercianti ebrei rifugiatisi in Olanda all’inizio della guerra, dovette nascondersi. Insieme al padre, la madre e la sorella Margot si rifugiò in una soffitta per sfuggire alla Gestapo, la polizia nazista. Vissero nascosti due anni insieme ad altri perseguitati, la famiglia Van Daanz; in tutto erano in otto.
Anna, che aveva appena tredici anni, iniziò a t...

Leggi tutto l'articolo