Doping rapporto schock: quasi il 20% dei runner di lunga distanza utilizza quello del sangue

Parigi - Circa un 18% degli atleti di resistenza ha mostrato segni di doping nel sangue ai campionati mondiali 2011 e 2013 , secondo un rapporto condotto dall'Università di Losanna "I nostri risultati ottenuti da solidi parametri ematologici indicano una stima di una prevalenza complessiva di doping del sangue del 18% in media negli atleti di resistenza", afferma il rapporto.
I risultati hanno evidenziato che la percentuale maggiore è riferita alle atlete (22%) rispetto agli atleti di sesso maschile (15%).
Gli autori del rapporto hanno avuto accesso a campioni di sangue di 1.222 atleti che hanno preso parte a eventi di resistenza (anche in  pista) a Daegu nel 2011 e Mosca nel 2013.
L'introduzione da parte della IAAF del passaporto biologico dell'atleta nel 2011, sostiene il rapporto, non è riuscita a ridurre significativamente il doping del sangue nel 2013.
Aggiungendo: "L'ulteriore sviluppo del passaporto biologico dell'atleta con un attento monitoraggio dei parametri biologici rapp...

Leggi tutto l'articolo