Dopo la Fed La probabilità di un rialzo dei tassi Usa a settembre è scivolata al 40%

MILANO (WSI) - Azionario globale in calo.
In Asia, accelerazione al ribasso, con Shanghai -1,16%, Tokyo -0,94%, Hong Kong -1,91%, Seoul -1,28%, Sidney -1,70%.
Se da un lato la cautela con cui la Fed mostra di tornare a rialzare i tassi di interesse conforta gli investitori - che temevano, così come la Fed, l'adozione di un manovra di politica monetaria restrittiva in un contesto economico ancora incerto, dall'altro lato lo stesso atteggiamento più attendista di Janet Yellen & company sembra confermare al mondo il deterioramento dei fondamentali economici.
Tra l'altro, lo stesso guru dei bond, Jeff Gundlach, aveva affermati che la possibilità di un rialzo dei tassi a settembre fosse "una cattiva idea", lanciando un allarme sull'imminente "vaso di Pandora" che sarebbe stato scoperchiato.
Immediata la reazione sui mercati dei cambi, con il dollaro che, dopo la pubblicazione delle minute della Fed relative all'ultimo meeting di luglio del Fomc, il suo braccio di politica monetaria, ha perso terreno, scontando il calo delle probabilità di un rialzo dei tassi a settembre.
La probabilità è scivolata di fatto al 40%.
Il biglietto verde ha successivamente recuperato terreno, con l'euro ora piatto ma saldamente sopra $1,11, a $1,1125.
Dollaro/yen +0,19% a JPY 124,04.
Aumentano le probabilità, al 65%, che la Fed alzi i tassi piuttosto nella riunione di dicembre.
Tra le materie prime, continua la caduta dei prezzi del petrolio.
A New York, i futures -0,49% a $40,60 dopo il tonfo della vigilia, quando sono crollati oltre -3%.
Ad affossare i prezzi del petrolio i dati diffusi negli Stati Uniti dall'Energy Information Administration, che hanno messo in evidenza un rialzo delle scorte crude di 2,6 milioni di barili la scorsa settimana, contro le attese degli analisti di un calo -777.000 barili.
Il contratto omologo sul Brent arretra -0,53% a 46,91 dollari.
Oro +1,19% a $1.141,30 l'oncia, argento +1,55% a $15,42.
da http://www.wallstreetitalia.com/

Leggi tutto l'articolo