Dopo quello dell'oro, arriva il crollo del prezzo dell'argento: -28% da inizio anno. La colpa? E' anche dei pannelli solari

Dopo quello dell'oro, arriva il crollo del prezzo dell'argento: -28% da inizio anno.
La colpa? E' anche dei pannelli solari con un'analisi di Sissi Bellomo20 maggio 2013Commenti (2) IN QUESTO ARTICOLO Media Argomenti: Tutela ambientale | Dowa Holdings |Yang Xuejie My24     (Corbis) Dopo lo scivolone dell'oro, che nel corso del 2013 ha perso circa il 20% del suo valore, ora a preoccupare gli operatori è il crollo dell'argento, che oggi ha toccato i minimi dal settembre 2010.
Tra volumi alti, l'oncia si sta pericolosamente avvicinando alla soglia psicologica dei 20 dollari, con un calo del 28% rispetto all'inizio del'anno.
Il che fa conquistare all'argento il poco invidiabile primato di peggior metallo prezioso del 2013.
«L'argento sta compiendo un percorso simile a quello dell'oro - spiega Yang Xuejie, analista di Galaxy Future - : la domanda per investimento sta lentamente scivolando e ci sono dubbi sulla domanda industriale, che rappresenta il driver principale degli acquisti».
Come indicato da Barclays Capital, «le commodities sono sul punto di essere investite da una grande rotazione, che riguarderà la performance dei prezzi e la leadership sul mercato.
Oro e argento in particolare, quelle che dal 2009 hanno corso di più, nei prossimi anni saranno probabilmente tra le commodities più deboli».
  ARTICOLI CORRELATI Oro e argento sono entrati in fase di «bear market»   L'argento, utilizzato in diversi prodotti industriali(dalle batterie ai pannelli solari), è entrato in fase "orso" nel mese scorso.
Come ricordava Natixis in un report diffuso ieri, la debolezza del metallo prezioso sconta - oltre a una serie di motivi che penalizzano i beni rifugio e premiano l'appetito al rischio - anche il rallentamento del mercato del fotovoltaico.
Secondo il Silver Institute di Washington, infatti, il 90% delle più comuni celle converte i raggi solari in elettricità usando un impasto di argento.
Se peraltro, come sembra, il Giappone si appresta a divenire il più grande produttore di celle solari dopo la Cina, allora anche il suo consumo di argento salirà nettamente.
Dowa Holdings, il più importante produttore giapponese, ha infatti annunciato che l'import di minerali d'argento per incrementare l'output di metallo del 40%.
E rilanciare le quotazioni del metallo prezioso per ora più penalizzato dai mercati.

Leggi tutto l'articolo