Dorcezza e soriso

    olio su tela cm.50X70  Studio Madonna del riposo  eseguito dal maestro  Giovanni Lo Curto     DORCEZZA E SORISO.    Madonna, t’aringrazio perché a ‘gnì viso sai sempre accomodaje un ber soriso.
Er soriso se po’ dì ch’è importante, però ha d’entrà ner core de la gente.
Si poi lì drento c’enfili un po’ d’amore quello và più felice allo scorere dell’ore.
Er monno come lo vedo, io l’arifò der tutto, semplice, aricamato, bello oppuro brutto.
 Io je dò cò la penna e puro cor pennello, lo sò nun pò bastà, hai da usà er cervello.
Così, 'gni matina, la mente mia ce spera.
Spero d’arivède ‘n mondo senza guera.
Spero, annando pè le strade, in tondo, de vedè 'gnuno vicino a me, giocondo.
E quanno a casa mia cala la sera, rivorgo lassù ‘na semplice preghiera: Pur’oggi, l’ho passato ne’ la tua volontà, e er monno chi lo vò vède, è sempre là.
De bbotti, ne sò scapitolati chiari e bbui  E Tu me dichi sempre:- Che fatti so dii tui!- Lo so…, perch’è così che Tu hai vorzuto.
E all’abbioccamme, te dico cò ‘n saluto: Pè mme, nun ho da chiede, io sò n’artista  E’, che si er monno s’incattiva me rattrista.
Così, domani ar mio risvejo ce vojo ariprovà, anche si Tu dall’arto nun m’o  farai cambià.
Cor core io Te prego, incideme sur viso ’n petalo de dolcezza e un ber soriso.
Giovanni Lo Curto  

Leggi tutto l'articolo