Ducati, il sogno diventa realta'.

 Gp1   Fp Giappone: trionfa Capirossi, titolo iridato al compagno di squadra Trionfo Ducati: Stoner campione del mondo Il Gp del Giappone segna il trionfo della Ducati: Loris Capirossi vince la gara sul circuito di Motegi e porta a casa punti preziosi per la classifica del campionato costruttori.
Ma il suo compagno di scuderia, l'australiano Casey Stoner (nella foto Omega), che pure arriva solo sesto, riesce a mantenere a distanza Valentino Rossi, che a causa di alcuni problemi sulla sua Yamaha taglia il traguardo al tredicesimo posto, e a conquistare il titolo mondiale.
Un vero D-day, inteso appunto come Ducati Day, insomma, quello che si celebra in questa domenica sportiva sotto i cieli giapponesi.
Il team bolognese, approdato al motomondiale delle 500 nel 2003, conquista un successo che premia una stagione condotta tutta all'attacco.
Da corsera web Per due anni consegutivi Valentino Rossi dovra' accontentarsi della seconda piazza, di non esser passato alla Ducati un paio d'anni fa, penso che gli girino una cifra, a parte la vittoria d'oggi dell'intramontabile Capirossi,trionfando cosi' nella terra del sol levante, con la scuderia di Noale nel binomio Stoner, vera stella nascente dei fenomeni a due ruote, si laurea campione del mondo nella Gp1, a confronto dei colossi giapponesi e' davvero una pulce, ma la competenza tecnologica italiana ha messo in ginocchio golia in questo caso, se poi aggiungiamo le vittorie di scuderia Aprilia nella classifica costruttori sia 125 che 250, i giapponesi sono ad un passo dal harakiri.
Impressionante la potenza che sviluppa il motore Ducati nel rettilineo, ora dopo anni di sofferenza sul misto, hanno quadrato il cerchio, un appunto a parte sono state le gomme Bridgestone, dal prossimo anno e' scontato che sara' scelta la loro gomma per tutti i team.
Insomma abbiamo una classe politica e per certi versi imprenditoriale discutibile, ma nei motori sia la Ferrari che i costruttori delle moto,possono senza dubbio esser fieri di questi risultati.

Leggi tutto l'articolo