Due giorni a Parigi: da Notre Dame alla casa di Victor Hugo

A forza di sentirmi dire "Hai un'amica che vive a Parigi e non vai a trovarla?", mi sono finalmente decisa a prendere un paio di giorni di ferie, prenotare il volo e accettare l'invito di Daniela, una cara amica che vive lì da qualche anno.  
Questo breve diario comincia all'aeroporto di Milano Linate, qui ho iniziato il mio primo diario di viaggio in attesa di partire per la Cornovaglia. Le sensazioni sono le solite due: il desiderio di staccare dalla quotidianità e quello di immergermi per qualche giorno nell'energia di posto nuovo. Sono un po' amplificate in questa stagione, novembre è quella fase dell'anno in cui va ormai archiviata la nostalgia dell'estate e bisogna prendere una bella boccata d'aria prima di affrontare l'inverno. Il timore è che l'impatto con le giornate fredde e corte scateni come unica reazione l'arrendersi al letargo.
Rispetto agli ultimi viaggi, questa breve esperienza è diversa: non andrò in giro per la città tutta sola. Nessun programma, quindi, se non quell...

Leggi tutto l'articolo