Due registi on the road dentro la fisica

(ANSA) – ROMA, 5 DIC – “Il più bel complimento l’ho avuto da una ragazza che mi ha detto che si sarebbe iscritta a fisica all’università se avesse visto prima il mio film”.
A parlare così, e con ragione, alla Casa del cinema di Roma è Felice Farina, regista insieme a Nicholas Di Valerio del film-documentario ‘Conversazioni atomiche’, un bel viaggio nel mondo della fisica portato avanti dagli stessi registi nei panni di due divertiti e divertenti profani alle prese con i misteri del mondo.
I temi di cui si parla in questo viaggio – in sala dal 13 dicembre con l’Istituto Luce e poi nelle scuole – sono infatti difficili e pieni di mistero, come gravità, buchi neri, cultura quantistica, teoria della relatività e galassie, ma quasi non ce se ne accorge, visto che Felice Farina è una sorta di Virgilio che guida un riluttante Nicholas, curioso sì di neutrini e altro, ma anche preoccupato per il suo stipendio.