Dvorak Jazz Meeting 2009 a Molfetta

fonte: http://www.quindici-molfetta.it/default.aspx?action=frmnews&main=zoomnews&tipo=news&id=11836   MOLFETTA - La rassegna “Dvorak Jazz Meeting 2009” continua sui binari tracciati dalle tre precedenti edizioni: una parte concertistica ed una didattica per uno spazio dedicato alla progettualità di qualità e al confronto tra esperienze musicali regionali e internazionali.
L’obiettivo principale rimane quello di dare spazio ed attenzione a progettualità di qualità che abbiano come protagonisti soprattutto i musicisti di questa regione, giunti, da anni ormai, a livelli di maturità artistica indiscutibili e testimoniati da una presenza sempre più consistente nelle rassegne e nei centri di produzione di Jazz di tutta Europa.
La attuale elevata qualità delle produzioni dei musicisti pugliesi non è spiegabile solo in termini di talento dei singoli ma, occorre ormai riconoscerlo, è anche frutto di un tessuto culturale complesso, ricco di stimoli, offerte formative e confronti artistici che hanno fortemente contribuito ad alimentare il fermento degli ultimi decenni e che garantiscono la costruzione di basi ancor più solide per la nuova generazione di giovani artisti.
E’ su queste basi che l’Associazione Dvorak si sforza di intervenire attraverso una rassegna che sin dalla sua prima edizione ha ottenuto anche il sostegno dei principali Enti Pubblici locali.
ORGANIZZAZIONE TECNICA E ARTISTICA DELLA RASSEGNA Il Dvorak Jazz Meeting 2009 sarà costituito da eventi concertistici e didattici distribuiti su cinque giornate.
 Sezione concertistica Quattro concerti distribuiti nell’arco di tre giornate.
Elemento di grande interesse nell’ambito della rassegna sarà la nuova proposta artistica del pianista e compositore Dave Burrell, artista americano di spicco nell’ambito della scena musicale contemporanea.
Burrell è considerato dalla critica musicista che tiene sulla punta delle dita un secolo di tradizione di blues e di musica afro-americana, perseguendo parallelamente una costante ricerca verso nuove sonorità.
Dave Burrell rappresenta un legame evidente con il free jazz storico fin dalle celebri registrazioni in compagnia di Archie Shepp, con cui divise i tempi cruciali dell’esperienza parigina del 1969, come l’incisione dello straordinario “Blasé” e la trasferta al festival panafricano di Algeri.
Altrettanto importanti sono le sue collaborazioni con Pharoah Sanders, Marion Brown, David Murray, and Odean Pope.
Il suo stile pianistico raccoglie ispirazioni diverse: il jazz dei grandi maestri, Duke [...]

Leggi tutto l'articolo