E' Annalisa la segretaria regionale di Sinistra Ecologia Libertà

  E’ Annalisa Pannarale, 34enne ex segretaria provinciale di Bari del Prc dal 2007 al 2009 (quando seguì anche lei Vendola nel Movimento per la Sinistra e poi in SEL), la nuova Coordinatrice Regionale di Sinistra Ecologia Libertà.
E’ stata eletta senza voti contrari dall’Assemblea Regionale di Sel, a sua volta eletta a larghissima maggioranza dal Congresso tenutosi oggi all’Hotel Excelsior di Bari.
  E’ stato un Congresso molto partecipato, con la sala quasi sempre piena, sin dalla relazione d’apertura, tenuta in mattinata da Nicola Fratoianni.
Tra gli argomenti dibattuti, oltre ovviamente a quelli più strettamente “partitici” (tra cui la proposta di organizzazione di “Primarie interne” per le liste, rilanciata da più d’un delegato), la situazione di Scuole ed Università, i temi ambientali (soprattutto alcune vicende pugliesi), e la proposta sulla cosiddetta “Regione Salento”, contro la quale più voci si sono levate.
A conclusione del dibattito e prima delle votazioni, ci sono state le conclusioni di Nichi Vendola, che hanno fatto segnare il solito “pienone”, con la sala stracolma e più persone in piedi.
Tutta la prima parte è stata dedicata a vicende relative al governo regionale della Puglia, ed a varie vicende su cui il Governatore si è tolto parecchie spine.
A cominciare dalla vicenda del Piano di Rientro.
Sul quale Vendola rivendica il fatto che la Puglia è l’unica grande Regione del Sud a non essere stata commissariata.
E, allo stesso tempo, si mostra indignato per come il Governo, ed in particolare il Ministro Tremonti, abbia voluto a tutti i costi dare battaglia contro la legge sulle internalizzazioni.
“Pretendevano che revocassi le assunzioni, cosa che peraltro avrebbe prodotto una valanga di ricorsi che avrebbero visto la Regione sempre soccombente.
E volevano spingermi a violare una legge approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale”.
Vendola rivendica la battaglia svolta: “la lotta alla precarietà, lo rivendico, è una battaglia in primo luogo di Sel.
Una battaglia su cui siamo riusciti, in questo caso, a convincere l’intero Centro-Sinistra, e, in Consiglio Regionale, anche l’opposizione.
Perché è dimostrato, con la precarietà non funziona meglio.
Oltre a produrre drammi personali, produce anche cattivi risultati economici”, dice il Presidente, ricordando una puntata di Report che descriveva le esternalizzazioni.
“E così il caso-Puglia veniva studiato nelle altre regioni.
E Tremonti voleva, dichiaratamente, fermare l’epidemia”.
E la [...]

Leggi tutto l'articolo