E' doveroso disobbedire a leggi che si ritengono ingiuste?

 
Un esempio:
obiezione al "servizio" militare
(Testo tratto dal web)
La Costituzione Italiana, approvata nel 1947 ed entrata in vigore nel 1948, stabilisce all'art. 52 che "La difesa della patria è sacro dovere del cittadino.Il servizio militare è obbligatorio nei limiti e nei modi stabiliti dalla legge", senza prevedere alcuna possibilità di obiettare.
La parola "obiezione" deriva dal latino "obicere", che significa contrapposizione, rifiuto; l'obiezione di coscienza è infatti
il rifiuto di obbedienza ad una legge o ad un comando dell'autorità perché considerato in contrasto con i principi e le convinzioni personali radicati nella propria coscienza.
L'obiettore di coscienza è dunque un cittadino che, dovendo prestare servizio militare armato, contrappone il proprio rifiuto all'uso delle armi ed attività ad esse collegate.
La storia dell'OdC, in senso lato, inizia con l'unità d'Italia. La coscrizione obbligatoria introdotta nel 1861, incontrò una grandissima resistenza soprattutt...

Leggi tutto l'articolo