E' ufficiale: Chiodi candidato alla presidenza dell'Abruzzo per il PdL

La partita sulla spartizione dei poteri nella prossima campagna elettorale nel centrodestra è ormai conclusa.
Con un comunicato stampa scarno che si attende da giorni il Popolo della Libertà, al termine di una lunga riunione che ha coinvolto i dirigenti locali e i vertici nazionali, comunica di aver scelto Gianni Chiodi, sindaco ...
uscente di Teramo, come suo candidato alla presidenza della Regione Abruzzo per le prossime elezioni del 30 novembre e 1 dicembre.
Si è anche deciso di affidare il coordinamento del PdL per la campagna ai senatori Filippo Piccone e Fabrizio Di Stefano.
Domani mattina, in una conferenza stampa a Pescara, il senatore Gaetano Quagliariello assieme a Gianni Chiodi e ai senatori Pastore, Piccone e Di Stefano illustreranno le modalità che guideranno la campagna elettorale del PdL.
Ieri si è scatenato un vero e proprio putiferio che ha di fatto riaperto le trattative tra le diverse anime del Pdl.
Ieri mattina sui giornali si dava già per certa la notizia di Chiodi candidato e questo avrebbe fatto saltare su tutte le furie soprattuto An che si riteneva ancora in corsa.
A complicare le cose si è aggiunto l’imprimatur di Silvio Berlusconi a Chiodi che lo ha indicato come candidato presidente.
A quel punto l’accordo già trovato tra i partiti del Pdl fino a quel momento solo sul nome di Chiodi ha avuto il placet della massima carica del Pdl.
E’ stato allora che si è capito che il nome di Chiodi era ormai ufficiale e che non si sarebbe tornati indietro.
In realtà rimanevano aperte molte altre questioni che hanno tenuto impegnati i vertici dei partiti del centrodestra fino a sera: c’erano da chiarire tutta una serie di misure “compensative” a chi era stato escluso dal ruolo più prestigioso.
In serata l’accordo è stato trovato anche tra i partiti, nonostante i malumori di An.
Stamattina è arrivata anche la parola fine dallo stesso Berlusconi che così ha chiuso la partita abruzzese sulle elezioni più importanti degli ultimi anni.
tratto da www.primadanoi.it

Leggi tutto l'articolo