E Ben Sa Ghe Enduro 2015

Dopo una gara di enduro nulla sarà mai più come prima.
  Niente meglio di questa frase può incarnare le sensazioni che una gara di questo tipo posso dare all' atleta che prova questa esperienza e anche quest' anno non è mancata la conferma per una manifestazione che definire stupenda non sarebbe che il minimo.
La cornice che l'ambiente di Lugo di Grezzana offre, il meteo che quest' anno ci è stato amico nonchè il clima che nell'enduro a differenza delle altre specialità si respira, hanno contribuito assieme a rendere questa giornata di sport e amicizia perfetta.
Non certo ultima l'impeccabile organizzazione del comitato di Lugo che si occupa di mantenere fruibili i tracciati per tutto il periodo dell'anno con manutenzione e pulizia.
Ma veniamo a noi e alla gara.
Perfetta la scelta e la disposizione delle quattro prove speciali con l'inserimento di una variante inedita alla ps2 (ex ps1 delle passate edizioni) denominata Cavraroi che ha innalzato non di poco il tasso tecnico della gara con quattro passaggi "non per tutti" da affrontare con le dovute dosi di tecnica e coraggio e allungando il tracciato fino agli otto minuti per i più lenti, tempo che può piegare l'atleta più allenato.
Proprio in uno di questi passaggi ho giocato il mio primo jolly con una caduta priva di conseguenze.
  Niente male neppure l'idea di iniziare con la ps "Castei" nota come molto tecnica, anche se questo ha provocato in molti una partenza molto più tesa col rischio di affrontare le prime insidie senza la giusta concentrazione.
Ps3 replica del 2013 senza grosse difficoltà essendo asciutta a differenza di due anni fa quando il transito sulle rocce umide creò non prochi problemi con numerosi incidenti.
Ps4 favolosa replica del 2014 e composta da più percorsi fra cui il "pistin", una sorta di mini bike park nel quale sono state concentrate le principali difficoltà tecniche che si incontrano nella guida in discesa come le curve con appoggio, i passaggi ad U stretta i salti.
Ho apprezzato molto l'inserimento di una pedana in legno all'interno del primo doppio salto che permetteva un passaggio veloce anche ai meno avvezzi al salto come me.
In tutte le prove ho abbassato i tempi dello scorso anno con la stessa bike quindi soddisfazione piena mettendo in conto una caduta con 360 sulla ps2 ma soprattutto l'ingresso di una vespa che alla ps4 mi è entrata nel casco ed ha cercato di entrare nell'orecchio con comprensibile panico da parte mia che ho dovuto fermarmi e sfilare il casco per farla uscire limando lo stesso cinquanta secondi al [...]

Leggi tutto l'articolo