E SI PARLA SEMPRE DI INVESTIMENTI PUBBLICI - 1

Due articoli su un tema eterno
Per il credulone l’atteggiamento dello scettico è sorprendente: “Se lui dice che è così, perché non dovrebbe essere vero?” Lo scettico invece ragiona in modo del tutto opposto: “Che prova ho che sia vero?”
In qualche caso, chi è meno diffidente crede d’avere in mano una briscola: “Ma sta parlando di medicina e tu non sei medico”. E questa è certamente un’osservazione ragionevole. Ma si può rispondere: “Dal momento che io non sono un medico, non ho nessuno strumento per dire che ha ragione o che ha torto. Se la questione fosse importante per me, chiederei un consulto”.
Lo scettico non abbandona il proprio atteggiamento nemmeno se si accorge di essere solo contro tutti. Questa è una precauzione necessaria soprattutto in un Paese, come l’Italia, disposto a credere le cose più assurde, purché sufficientemente ripetute. Ad esempio la leggenda dell’efficacia bellica della nostra “Resistenza”, cosa di cui non si trova traccia in nessun libro straniero di buon l...

Leggi tutto l'articolo