ECONOMIA POST-KEYNESIANA

Marc Lavoie, definisce l'economia post-keynesiana tramite cinque paradigmi e due caratteristiche essenziali, che distinguono tale scuola da quella neoclassica.
 Realismo (anziché strumentalismo): l'analisi deve partire dalla realtà, e non da ipotesi astratte o ideali, e descrivere l'effettivo funzionamento dei sistemi economici.
 Olismo (anziché individualismo): il tutto è più della somma delle parti; l'individuo non è un atomo indipendente, ma è influenzato dall'ambiente sociale; le istituzioni hanno una propria realtà specifica.
 Razionalità limitata (anziché iper-razionalità): gli agenti spesso dispongono di informazioni insufficienti e hanno capacità limitate di gestirle; perciò agiscono in base a convenzioni o per imitazione.
 Enfasi sulla produzione (anziché sulla scarsità): conta, più che la quantità di risorse, il grado con cui sono utilizzate (che ad es.
aumenta con la piena occupazione)  Intervento dello Stato (anziché del mercato): il mercato non è equo, né efficiente, né si auto-regola; lo Stato deve perciò intervenire direttamente o indirettamente.
 Ruolo della domanda (anziché dell'offerta): la produzione è trainata dalla domanda, e non dai vincoli dell'offerta, anche nel lungo periodo.
 Tempo storico (anziché logico): il tempo è irreversibile, e la posizione di equilibrio non è indipendente dal sentiero seguito per raggiungerla.
Il fondamento teoretico dell'economia post-keynesiana, è il principio della domanda effettiva, che la domanda è rilevante sia nel lungo che nel breve periodo, cosicché un'economia di mercato competitiva non ha alcuna naturale o automatica tendenza alla piena occupazione.
Contrariamente alle concezioni della nuova macroeconomia keynesiana, che lavorano nella tradizione neoclassica, i post-keynesiani non accettano che la base teorica dei fallimenti del mercato nel generare il pieno impiego siano prezzi o salari vischiosi.
I post-keynesiani generalmente rifiutano il modello IS-LM di John Hicks, (N.B.: Il modello IS-LM è una rappresentazione sintetica del pensiero economico keynesiano, così come interpretato dalla sintesi neoclassica.
La sigla sta per le parole inglesi Investment Saving - Liquidity Money ovvero Investimento Risparmio - Liquidità Denaro.
Ha lo scopo di rappresentare insieme il settore reale IS e quello monetario LM) che fu molto influente nell'economia neo-keynesiana.
Il contributo dell'economia post-keynesiana, è stato esteso oltre alla teoria dell'occupazione aggregata, alle teorie di distribuzione dei salari [...]

Leggi tutto l'articolo