ELEONORA racconto (502) di Dino Secondo Barili

Intrigo … …a Pavia (Queste storie, anche se raccontate come vere, sono  frutto di fantasia.
Pertanto non hanno nulla a che vedere con persone o fatti realmente avvenuti) racconto del giorno 502 Eleonora e le amicizie Un anno fa, Eleonora, trent’anni, impiegata, si lamentava con la sua collega Maura.
“Difficile vivere in una città come Milano.
Se poi, come nel caso mio, si è incappate in parecchie “delusioni d’amore”… una persona finisce per perdere fiducia in sé stessa… e non sa più a quale Santo affidarsi…” Maura, trentacinque anni, intelligenza vivace, prese la palla al balzo.
“Ecco, uno degli errori che facciamo noi donne.
Anziché, farci tanti amici e amiche, cerchiamo di circoscrivere e limitare le nostre conoscenze.” – “Cosa vorresti dire? Che dobbiamo credere nell’amicizia?” Maura fece una smorfia… come dire “in quale mondo vivi?” Continuò il discorso.
“Eleonora, oggi come oggi, con la fragilità e la precarietà dei rapporti umani… è utile, anzi indispensabile avere “amicizie collaudate”.
durevoli.
Io, ho conservato l’amicizia delle mie amiche del Liceo, Simona e Claudia.
Siamo tre amiche del cuore.
Ci siamo ripromesse di trovarci almeno una volta al mese per scambiarci le nostre rispettive esperienze.
Quando il mio primo fidanzato mi ha “piantata in asso” dopo un anno di relazione… chi è che mi ha aiutata? Claudia e Simona Chi è che mi è stata vicino e mi ha permesso di superare abbastanza facilmente il disagio? Le mie amiche.
Mi telefonavano più volte al giorno per sapere come stavo, cosa stavo facendo.
Alla sera mi venivano a prendere per una chiacchierata.
Io ho fatto la stessa cosa quando è capitato a loro.
Anche loro sono state “piantate” (almeno una volta)… ed io le ho assistite come loro hanno fatto con me.
Oggi, la società è troppo fluida, con rapporti fragili… Per avere certezze bisogna cercarle “in profondità”, nelle cose che resistono al tempo.
Un mio fidanzato (che è durato un anno) ha cercato in tutti modi di mettere in discussione la mia amicizia con Claudia e Simona.
Gli ho fatto una domanda.
“E, se un domani … ti stancassi di me?” Non ha saputo rispondere… Infatti, è accaduto proprio quello che avevo previsto.
Lui, un giorno, se ne è andato…e per fortuna che ho conservato le mie amicizie.
L’amicizia è cosa seria.” Eleonora cominciò a pensarci.
Era appena uscita da una delusione d’amore.
La relazione era durata sei mesi, ma la ferita era ancora aperta.
La trentenne aveva bisogno di sfogarsi, di [...]

Leggi tutto l'articolo