EMERGENZA PAKISTAN

Ciao Paolo, la peggiore catastrofe umanitaria degli ultimi anni ha colpito ben 20 milioni di persone e messo letteralmente in ginocchio il Pakistan.
La mancanza di cibo e acqua potabile, le precarie condizioni igieniche e la scarsa assistenza sanitaria pesano prima di tutto sulle fasce piu' vulnerabili della popolazione.
Sono 3,5 milioni i bambini a rischio di pericolose malattie: si tratta di una cifra equivalente all'intera popolazione infantile italiana al di sotto dei 5 anni.
Di fronte ad una tragedia cosi' epocale, ancora una volta AGIRE lancia un appello di raccolta fondi.
Gli operatori umanitari di ActionAid, CESVI, Intersos, Save The Children e VIS stanno distribuendo razioni alimentari, kit igienico-sanitari, acqua potabile e tende e fornendo assistenza medica attraverso cliniche mobili.
Gli aiuti delle ONG di AGIRE hanno gia' raggiunto almeno 150 mila persone.
Con la velocita', l'indipendenza dai governi e il coinvolgimento delle comunita' locali che solo le organizzazioni non governative sono in grado di garantire in queste situazioni.
Ma non possiamo fermarci qui.
Sono ancora tanti i bisogni sommersi, non solo dall'acqua  ma soprattutto dalla scarsa attenzione che i mezzi di informazione stanno riservando a questa tragedia.
Per questo, ti chiediamo ancora una volta di stare al nostro fianco.
Aiutaci a fare in modo che il filo della speranza a cui sta appesa la vita di milioni di persone non si spezzi! Dona cio' che puoi: anche una piccola somma puo' fare la differenza!>> con 20 euro doni un kit sanitario di primo soccorso >> con 50 euro dai cibo a 10 persone per un mese >> con 100 euro fornisci un riparo a 4 famiglie Qualsiasi cosa deciderai di fare, grazie fin d'ora per la tua generosita'.
  Clicca qui per conoscere altri modi per sostenere l'appello di AGIRE.  Se non vuoi piu' ricevere comunicazioni da AGIRE, manda una mail a sostenitori@agire.it con l'oggetto "Cancellazione dati".   GRAZIE  

Leggi tutto l'articolo