ENZO BOSCHI, “IL TERREMOTO DI SANTA LUCIA, MONITO DA NON DIMENTICARE”, MA NESSUNA TV LO HA RICORDATO. LA CHIESA DEL CIMITERO E’ ANCORA INGABBIATA, DOPO 26 ANNI!

Augusta.
  Questo memento  è stato redatto da Enzo Boschi, presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia fino a  cinque anni fa,  incorporato nella prefazione  al volume Augusta, cronache di un terremoto annunciato, per i tipi delle Edizioni La Stampa di Siracusa, con cui l’autore, Giorgio Càsole, docente liceale di lettere e giornalista, ha raccolto i suoi articoli sul DIARIO e altre testate (compreso uno pubblicato su Famiglia Cristiana  n.
45/1991) su  quel  terremoto che ebbe come epicentro il  mare  di Augusta, città con un porto petrolifero e commerciale  e militare fra i più i importanti in Italia, tornata oggi alla ribalta nazionale perché porto di sbarco quasi quotidiano di migranti  Dopo i disastrosi terremoti nell’Italia centrale, il terremoto di  Santa Lucia non viene ricordato  nelle classifiche mostrate  dalle televisioni nazionali, eppure provocò  tredici morti nel vicino  comune di  Carlentini e danni  a  edifici pubblici, civili abitazioni  e chiese nella Sicilia sud-orientale, da Catania a Ragusa.  A distanza di 26 anni, la cappella del cimitero di Augusta è ancora ingabbiata come dopo il terremoto.
   M.
S.

Leggi tutto l'articolo