Ecclesia Maior. La Chiesa Madre di Carlentini tra storia e arte

La storia, le opere d'arte, gli ori e gli argenti della Chiesa Madre di Carlentini, la Ecclesia Maior S.
Mariae citata nel 1640 dallo storico Rocco Pirro in «Sicilia Sacra».
Scrigno di autentici tesori che portano firme prestigiose di architetti, pittori, scultori e argentieri che hanno fatto non solo la storia della Sicilia.
Valga per tutti Emilio Greco, uno tra i più grandi scultori del Novecento, che non ancora ventenne proprio a Carlentini fu chiamato per il primo appalto della sua vita, le cui vicende racconterà anni dopo in un libro autobiografico dal titolo «Memoria dell'estate».
Scrigno di tesori che custodisce opere di Luciano Franco (ingegnere di origine carlentinese tra i più apprezzati esponenti dell'Art Nouveau nella città etnea, ricordato per essere stato il progettista dell'edificio principale e di alcuni padiglioni interni della II Esposizione Agricola Siciliana del 1907), autore del disegno dell'ordine superiore della facciata, dei pittori Francesco Gramignani e Ludovico Svirech, che lasciano interessantissime pale d'altare, e Giuseppe Barone di Militello Val di Catania, allievo di Lo Jacono e Basile, che esegue numerosi affreschi.

Leggi tutto l'articolo