Ecco l'uccello più grande del mondo

Ci sono voluti decenni di studi per decretare l’uccello più grande del mondo e ora un team di zoologi inglese ha raggiunto un verdetto unanime.
I padroni assoluti del cielo sono e sono stati sempre loro: i volatili, possenti e leggiadri allo stesso tempo, si portano dietro un’aura di fascino molto apprezzata da studiosi e non.
Sono antichi come non mai, popolano la Terra da tempo immemore e sono i protagonisti di questo studio.
Il risultato è stato pubblicato sulla “Rivista Society Open Science” e il detentore del titolo di “uccello più grande del mondo” è andato al Vorombe titan (appunto “uccello grande” nella lingua del Madagascar).
Con 800 chili e 3 metri di altezza, questo volatile che viveva proprio in Madagascar, ha sbaragliato tutti i suoi concorrenti appartenenti a ben 15 diverse specie attraverso due generi diversi.
Gli studiosi hanno analizzato nel dettaglio la categoria degli uccelli elefante, esemplari di grandi dimensioni e che non erano in grado di volare.
Ne hanno ricostruito l’albero genealogico e quello che è emerso è che questi uccelli appartengono alla famiglia degli Aepyornithidae che include due generi più conosciuti agli scienziati, ovvero Mullerornis e Aepyornis.
Proprio in quest’ultimo genere era stata riscontrata la specie dell’Aepyornis maximus, considerato spesso come l’uccello più grande del mondo.
Ma alla fine, il team di zoologi ha decretato con prove schiaccianti, che in realtà l’uccello più grande al mondo è proprio il Vorombe titan.
Per arrivarci, ci sono voluti molti anni di studio in cui è stata effettuata un’attenta classificazione scientifica dal punto di vista della famiglia, dei generi e delle specie.
In questo modo, gli esperti si sono resi conto che questo volatile conta esemplari in tre generi e in quattro specie diverse.
Lo studio di animali del passato e ormai estinti non deve essere sottovalutato secondo gli studiosi, perché è proprio grazie all’analisi della diversità delle specie, che è possibile comprendere l’evoluzione nell’isola del Madagascar, ma da un punto di vista ecologico.
Secondo James Hansford, a capo del gruppo di questo studio: “Gli uccelli elefante rappresentavano la più grande megafauna e presumibilmente uno dei più importanti elementi della storia dell’evoluzione nell’isola, forse anche più dei lemuri.
Questo perché animali di grandi dimensioni hanno un enorme impatto in un ecosistema più ampio, dato che hanno un controllo sulla vegetazione”.

Leggi tutto l'articolo