Ecco perché abbiamo bisogno della reunion delle Spice Girls

C’è una ferita che nel cuore degli adulti di oggi non si rimarginerà mai: ci riferiamo ovviamente alla separazione delle Spice Girls, avvenuta più o meno alla fine degli anni ’90.
Zeppe, abiti colorati, arroganza, strafottenza e rime che ti facevano voglia di mangiare il mondo con un sol boccone.
Questo erano in grado di far provare le Spice Girls con le loro note semplici, divertenti e accattivanti.
Cinque ragazze diverse tra loro – che probabilmente non erano nemmeno così tanto amiche – sotto un’unica bandiera, quella del “Girl Power”.
Le Spice Girls non sono state attive nemmeno per troppo tempo: dopo l’abbandono di Geri Halliwell nel 1998, la band si è lentamente sfaldata, fino a che ognuna di loro ha avviato – con più o meno successo – una carriera da solista.
Perché, a distanza di anni, le notizie su una possibile reunion delle Spice Girls fa ancora battere il cuore a milioni di persone (abbastanza cresciute) in tutto il mondo? Semplice: perché il quel breve periodo di attività, con la loro esuberanza e vivacità, hanno cambiato il modo di pensare di una generazione.
Quello che le Spice facevano non era solo urlare “Girl Power” per prendere qualche applauso in più e far sognare i ragazzini.
Perché era vero che quelle cinque ragazze stavano trasformando il mondo.
Dalla moda all’industria musicale, passando per la televisione e il cinema, non c’è stato settore che non sia stato fagocitato dalle Spice Girls.
Le strade erano piene di teenager con delle zeppe improponibili che, con i ciuffetti davanti, camminavano sottobraccio tenendosi stretta la compagna di banco della scuola e fulminando con lo sguardo chiunque osasse prenderle in giro.
Le Spice Girls saranno anche nate come mero – e riuscito – fenomeno di marketing.
Perché è inutile raccontarci bugie, quello sono state all’inizio.
Ma Ginger, Scary, Sporty, Baby e Posh ci hanno insegnato cose molto importanti.
Che le ragazze, unite, possono fare qualsiasi cosa.
Che la complicità tra donne è una cosa meravigliosa.
Che l’amicizia e la solidarietà femminile fanno passare qualsiasi cruccio e i problemi si affrontano insieme.
Che non c’è nulla che non si possa fare se si ha il supporto dei nostri amici più cari.
E che il mondo può essere conquistato facilmente sia in tuta, sia con il tacco dodici, sia con una marea di paillettes.

Leggi tutto l'articolo