Echi mortali, recensione di Biagio Giordano

                      
Echi mortali, di David Koepp, con Kevin Bacon, Kathryn Erbe, produzione Usa, anno 1999, genere thriller, durata 110 minuti. Da un romanzo di R. Matheson, una storia di fantasmi in forma di metafore leggibili in chiave psicologica e paranormale (premonizioni).
Periferia di Chicago, un operaio (Kevin Bacon) con moglie e figlio, aspira nel tempo libero ad avere una maggior vita mondana. Una sera, per una sorta di curiosità, mista a un bisogno di espressività sarcastica e di sfida, decide di farsi ipnotizzare, , e lo fa con una sua giovane amica psicoterapeuta.
L'ipnosi sul momento riesce ma in seguito l'operaio va incontro a seri problemi: è invaso da tormentose raffigurazioni di senso ambiguo, oscillanti tra onirismo e premonizioni, e dotate di una forza compulsiva tale da non consentire alcuna possibilità di difesa.
Nella mente dell'operaio si impongono veri e propri spezzoni di film misteriosamente in relazione con il reale della vita che lo circonda, dotati di ...

Leggi tutto l'articolo