Edgar Morin, non è che l'inizio

da    http://www.eddyburg.it/   Cambiare il rapporto dell’uomo con la natura non è che l’inizio Data di pubblicazione: 18.06.2009 Autore: Morin, Edgard “Una politica che non inglobasse l’ecologia sarebbe mutilata, ma una politica che si riducesse all’ecologia sarebbe ugualmente mutilata”.
Le Monde, 9 giugno 2009 L’articolo ci è stato segnalato e tradotto da Dario Predonzan Il successo dei Verdi, in Francia, alle elezioni europee non dev’essere né sopravvalutato, né sottovalutato.
Non dev’essere sopravvalutato, perché deriva in parte dalle carenze del Partito socialista, dalla scarsa credibilità del MoDem e delle piccole formazioni di sinistra.
Non dev’essere sottovalutato perché testimonia anche il progresso politico della coscienza ecologica nel nostro Paese.
Quella che però resta insufficiente è la coscienza del rapporto tra ecologia e politica.
Certo, molto giustamente, Daniel Cohn-Bendit parla in nome di un’ecologia politica.
Ma non basta introdurre la politica nell’ecologia; bisogna anche introdurre l’ecologia nella politica.
Infatti, i problemi della giustizia, dello Stato, della disuguaglianza, delle relazioni sociali, sfuggono all’ecologia.
Una politica che non inglobasse l’ecologia sarebbe mutilata, ma una politica che si riducesse all’ecologia sarebbe ugualmente mutilata.
L’ecologia ha il merito di portarci a modificare il nostro pensiero e le nostre azioni rispetto alla natura.
Certo, questa modificazione è lungi dall’essere compiuta.
Alla visione di un universo di oggetti che l’uomo è destinato a manipolare ed asservire non si è ancora davvero sostituita la visione di una natura viva di cui bisogna rispettare le regole e le diversità.
Alla visione di un uomo “sopra-naturale” non si è ancora sostituita la visione della nostra interdipendenza complessa con il mondo vivente, la morte del quale significherebbe la nostra morte.
L’ecologia politica ha in più il merito di condurci a modificare il nostro pensiero e le nostre azioni sulla società e su noi stessi.
Infatti, ogni politica ecologica ha due facce, una rivolta verso la natura, l’altra verso la società.
Così, la politica che punta a sostituire le fonti energetiche fossili inquinanti con fonti energetiche pulite è nel contempo un aspetto di una politica della salute, dell’igiene, della qualità della vita.
La politica del risparmio energetico è nel contempo una politica che evita gli sprechi e che lotta contro le intossicazioni consumistiche delle classi medie.
La politica che fa [...]

Leggi tutto l'articolo