Edifici in 3D dal tramonto all'alba

Google ha rilasciato una nuova versione in beta del suo Google Earth.
La novità consiste nella visualizzazione degli edifici in 3 dimensioni e illuminati da una luce realistica che cambia a seconda delle ore della giornata.
   Le mappe tridimensionali, che siano di Microsoft, di Yahoo, di Pagine Gialle (in Italia) o di altre aziende, sono accurate, molto utilizzate e in continua evoluzione.
Ma da oggi è Google a rinnovare il suo navigatore Google Earth rilasciando la versione 4.3, in beta, che aggiunge alle innumerevoli funzioni già presenti, la possibilità di vedere le costruzioni cittadine in tre dimensioni e illuminate dalla luce del sole.
La novità apporta realismo ma anche divertimento nello scoprire nuove prospettive cromatiche e nell'immergersi fra i palazzi storici e grattacieli.
Non tutto il globo è coperto dal nuovo servizio, che è ancora in via di sviluppo.
Le città coperte dall'ultima beta di Google Earth sono in tutto una dozzina, fra cui anche Tokyo, New York Boston e la nostra Roma.
Tuttavia si può già andare a curiosare scaricando a questo link la nuova versione della Terra di Google.
Come è noto a chi già usa il servizio, sul lato sinistro dello schermo si trovano numerose funzionalità che arricchiscono il servizio, fra cui la nuova voce "edifici 3D".
Scegliendola, ecco che appaiono sullo schermo nuovi pulsanti che faranno sentire subito a casa tutti gli appassionati dell'intramontabile videogioco Sim City: tasti direzionali che permettono il movimento a 360 gradi e fanno addentrare gli occhi fin nelle più nascoste strade di città caratteristiche come New York.
E volendo andare in giro per Roma, si può già ammirare il Colosseo tridimensionale.
Per rendere ancora più realistica l'esperienza, la grande G ha pensato di introdurre anche lo scorrere del tempo.
Un tasto nella parte alta dello schermo avvia l'opzione che permette di alternare le diverse sfumature di luce caratteristiche dei diversi momenti della giornata.
Notte, alba, tramonto e giorno.
Inoltre, gli utenti sono invitati a partecipare alla costruzione di questa realtà virtuale inviando i propri modelli tridimensionali di monumenti, ponti e palazzi, caricandole su uno spazio condiviso (3D Warehouse).
Un arricchimento notevole per tutti gli amanti del globo di Google.
Fonte: Serena Patierno su VisionPost Postato da: Luigi Maisto  

Leggi tutto l'articolo