Efsa: troppa acrilammide in patatine fritte

da Help Consumatori Il composto chimico si forma durante la cottura a temperature elevate.
Ce n'è troppo in patatine fritte, biscotti, caffè torrefatto e pane morbido.
E le misure sviluppate dall'industria hanno avuto un successo solo parziale.
È quanto afferma l'Agenzia europea per la sicurezza alimentare.
Attenzione alla presenza di acrilammide nel cibo: ce n'è ancora troppa in patatine fritte, biscotti, caffè torrefatto e pane morbido e le misure volontarie sviluppate dall'industria per ridurne i livelli negli alimenti non sono stati pienamente soddisfacenti.
"Le patate fritte (comprese le patate fritte a bastoncino), il caffè torrefatto e il pane morbido sono stati individuati come i prodotti che maggiormente contribuiscono all'esposizione all'acrilammide negli adulti.
Le patate fritte, le patatine, i biscotti e il pane morbido sono stati identificati come i principali responsabili dell'esposizione negli adolescenti e nei bambini".
Sono le conclusioni cui è giunta l'Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, che ha pubblicato una relazione sui livelli di acrilammide nei prodotti alimentari.

Leggi tutto l'articolo